L'arteterapia come strumento terapeutico
839
post-template-default,single,single-post,postid-839,single-format-standard,bridge-core-2.9.5,,vertical_menu_enabled,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-27.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.7.0,vc_responsive
L'arteterapia come strumento terapeutico

L’arte terapia come strumento terapeutico

L’uso dell’arte per l’auto-riflessione e l’espressione delle emozioni ha un valore terapeutico per gli individui che cercano una comprensione più profonda di se stessi e della propria personalità.

L’arte terapia come strumento terapeutico

L'arte terapia come strumento terapeutico

La pratica è uno sfogo per narrare ciò che è verbalmente inesprimibile con le parole.

Ciò consente ai pazienti di vedere il loro mondo interiore da una prospettiva diversa e la possibilità di discutere con il terapeuta i propri pensieri come risultato di ciò che emerge dall’opera d’arte e di ciò che l’opera d’arte può rivelare loro .

All’interno della relazione terapeutica, l’arteterapeuta inizia quindi a elaborare con il paziente il tipo di intuizione scoperto dalla visione dell’opera d’arte per trovare modi più efficaci per far fronte a situazioni difficili.

Inoltre, gli arteterapeuti sono formati per comprendere ruoli che il colore, la consistenza e le varie tecniche artistiche possono svolgere nel processo creativo e come questi strumenti possono aiutare a rivelare i propri pensieri, sentimenti e benessere psicologico.

Questo si conclude con due parti significative che lavorano insieme; il processo del fare arte e la stessa relazione terapeutica.

Cosa posso aspettarmi dall’arte terapia?

La struttura generale della seduta è simile a qualsiasi forma di psicoterapia, con l’aggiunta dell’utilizzo dell’arte come modalità espressiva.

Di solito ci sono 3 fasi importanti in una sessione di arteterapia: una breve discussione, seguita da due parti significative, la fase di creazione artistica e la fase di creazione/riflessione post-arte.

Fase 1: Presentazione

L’inizio della sessione consiste nel parlare con il terapeuta del motivo per cui è necessario aiuto e nell’apprendere ciò che il terapeuta ha da offrire per elaborare un piano di trattamento adeguato.

Se si tratta di un paziente che necessita di intraprendere nuovamente il percorso, questa fase prevede una breve discussione o un check-in su come ti senti attualmente o se si sono verificati problemi dall’ultima visita.

Fase 2: La creazione artistica

La fase di creazione artistica è quando il cliente è invitato a trascorrere un po’ di tempo facendo arte, concentrandosi maggiormente sul processo creativo piuttosto che sulla forma estetica.

Durante questo periodo, il terapeuta può guardare semplicemente il processo creativo del cliente senza interferenze o giudizi.

Oppure possono partecipare al processo di creazione artistica, specialmente se un cliente ha chiesto di coinvolgere il terapeuta.

Fase 3: realizzazione/riflessione post-art

Dopo che l’opera d’arte è finita e talvolta anche durante la realizzazione dell’opera arriva la fase finale e più importante in cui il cliente riflette sulla propria opera d’arte.

Il ruolo dell’arte terapeuta è quello di aiutare il paziente a pensare a cosa potrebbe significare l’ opera d’arte, e a riflettere su i simboli emersi.

Ponendo le domande giuste sulla falsariga di :

  • come ti senti riguardo al processo artistico?
  • cosa è stato facile o difficile nel creare l’opera d’arte?
  • quali pensieri o ricordi hai avuto durante il processo?
  • che significato hanno i simboli emersi all’interno della tua vita?

Generalmente, queste potrebbero essere le domande poste prima di fornire qualsiasi commento riguardante l’esperienza e i sentimenti del cliente senza fare supposizioni da parte del terapeuta.

Aspetti importanti

È importante sottolineare che questa non è una struttura fissa, poiché l’arte terapia è molto adattiva e incoraggia la spontaneità.

Alcuni individui preferiscono lavorare sul loro pezzo in totale silenzio, mentre altri preferiscono riflettere durante tutto il processo creativo.

A volte c’è resistenza al fare arte poichè si fa fatica ad accettare una terapia che non utilizzi la parola.

Bisogna accettare la transizione della terapia con la parola alla terapia mediante l’arte.

A chi è rivolta?

L’arte terapia è adatta come trattamento efficace per una varietà di problemi mentali ed emotivi, inclusi ma non limitati a:

  • depressione
  • ansia
  • stress
  • trauma
  • problemi alimentari
  • dipendenze
  • rabbia
  • problemi di autostima
  • problemi relazionali

L’arte terapia è utile a chiunque cerchi la crescita personale e la conoscenza di sé.

Poiché l’arte è di per sé terapeutico, aiuta anche le persone che non sono abituate a parlare o che hanno difficoltà ad articolare o parlare di ciò che sta accadendo.

Ecco perché si ritiene che l’arte della terapia sia particolarmente utile con i traumi. Secondo recenti ricerche, alcune parti del cervello si spengono quando qualcuno subisce un trauma.

Queste parti a volte possono essere responsabili del linguaggio e dell’elaborazione verbale, quindi i ricordi vengono archiviati in un formato visivo. Pertanto, l’arte diventa più accessibile per esternare quelle esperienze attraverso il processo creativo in modo sicuro e non provocatorio.

Oltre a fornire sicurezza, l’arte parla la stessa lingua in cui i ricordi vengono immagazzinati raggiungendo aree irraggiungibili con altre modalità psicologiche.

Nel complesso, i benefici ottenuti dall’arte terapia dipendono da come viene utilizzato il processo e dalla volontà dell’individuo di intraprendere questo viaggio.

Richiedi maggiori informazioni